La Torre del Castellano, solida costruzione quadrilatera considerata uno dei più bei castelli della zona, è situata in una posizione primeggiante sulla valle dell'Arno, a nord-est di Incisa e a circa venti chilometri da Firenze, dominando la vallata e il paese (di Incisa) da una posizione strategicamente ideale.

Non ha fonti accreditate sulle sue origini antiche. Storia certa della Torre è tracciata solo dal X secolo, per cui si ritiene che sia stata costruita intorno ad una torre di avvistamento longobarda (guardingus), inizialmente con la funzione di segnalazione e poi di presidio, ospitando una piccola guarnigione per il controllo delle importanti vie di comunicazione che collegavano Firenze ad Arezzo e Roma, attraversando il Valdarno superiore.

L’importanza strategica della struttura crebbe nei secoli XII-XIV,  trovandosi ai confini meridionali della Repubblica Fiorentina, in un area dove era ancora forte il potere di nobili famiglie feudatarie come i Conti Guidi ed i Pazzi, loro vassalli, e dove spesso si rifugiarono esuli fiorentini di entrambe le parti durante le lotte tra Guelfi e Ghibellini.

Dal XIV secolo, perduta la funzione militare, fu trasformata in una abitazione signorile dai Conti Castellani da cui prese poi il nome, passò poi attraverso altri proprietari subendo un progressivo declino fino a quando, nel 1938, iniziò un’importante opera di restauro a cura degli attuali proprietari, su progetto e sotto la supervisione della Sovraintendenza ai Monumenti della Provincia di Firenze .

Nel 1751 i Conti Castellani furono annoverati fra i patrizi fiorentini e la Torre fu gradualmente trasformata in una villa.

history-evolution-color

Nei decenni seguenti, fino al XX secolo, si susseguirono diversi proprietari che portano la Torre a un veloce declino, fino al 1938 quando gli attuali proprietari ne affidarono il restauro alla Soprintendenza ai Monumenti della Provincia di Firenze. Durante la Seconda Guerra Mondiale nel castello furono ricoverate le statue degli Uffizi per difenderle dal conflitto. Dopo la guerra ripresero i lavori di restauro.

Oggi, la proprietà, ha reso Torre del Castellano una location d’eccellenza, dove gli ospiti possono vivere esperienze esclusive, incontrando storia, cultura e arte, immersi nella classica natura toscana e accompagnati dai sapori tipici della tradizione.